GASTRITE E REFLUSSO:  come combatterli con la riflessologia plantare, i fiori di Bach e le piante medicinali

20.09.2018

La gastrite è un processo infiammatorio della parete gastrica, può essere acuta o cronica ed i sintomi ad essa correlati sono acidità, bruciore, crampi, cattiva digestione, eruttazioni, nausea e vomito. Può essere causata da errate abitudini alimentari ma anche da uno stile di vita stressante.

Le emozioni che si accompagnano ai disturbi dell'apparato digerente sono la rabbia e l'ansia: niente di più della frustrazione, dell'aggressività non espressa e della paura di non essere all'altezza infiammano e bruciano la parete dello stomaco.

ECCO UN ESEMPIO DI COME LA NATURA CI VIENE INCONTRO CON

 LA RIFLESSOLOGIA PLANTARE,  I FIORI DI BACH 

E LE PIANTE OFFICINALI, 

PER DIGERIRE IL CIBO E LE EMOZIONI

Il massaggio riflesso dei piedi diventa un valido aiuto quando si acutizzano i sintomi legati alla gastrite. Lavorando sui riflessi dell'apparato gastrointestinale e coinvolgendo anche le zone riflesse del sistema nervoso, quando la gastrite è di origine psicosomatica, proveremo un grande sollievo rispetto al dolore e alla cattiva digestione. In poche sedute proveremo un netto miglioramento di tutta la sintomatologia.

Pine E' il fiore di Bach per coloro che si vivono spesso il senso colpa ed è utile quando, pur mangiando poco, soffrono di digestione lenta.

Gentian E' il fiore per chi ha subito una grave perdita, un dispiace, una delusione ed allevia quella sensazione di "pietra nello stomaco" presente ancora qualche ora dopo il pasto.

Holly Per chi è in preda ad attacchi di ira e collera, va assunto in presenza di fitte, crampi, nausea e bocca acida al risveglio.

Impatiens E' il rimedio adatto a tutti coloro che sono impazienti, frettolosi ed ansiosi, è prezioso nella gastriti acide con secrezione anticipata che si calmano solo ingerendo alimenti assorbenti.

Cherry plum E' il fiore da assumere se si digerisce male  a causa di tensioni sul lavoro.

Ananas sativus Grazie al contenuto di bromelina facilita la degradazione delle proteine e i disturbi conseguenti ad una cattiva digestione quali acidità di stomaco, gonfiore addominale, meteorismo, flatulenza, alito cattivo. E' confermato che la bromelina favorisce la digestione, in qualche minuto, di mille volte il suo peso di proteine.

Gentiana lutea E' dotata di proprietà digestive ed antinfiammatorie. I principi amari della pianta stimolano i ricettori gustativi provocando così, un aumento della secrezione gastrica e salivare.

Mentha piperita Risulta particolarmente efficace in caso di atonia del tubo digerente; viene impiegata nel trattamento di nausea, degli spasmi gastrointestinali anche di origine psicosomatica e nell'inappetenza.

Glycirrhiza glabra Pianta antinfiammatoria e cicatrizzante delle ulcere, viene utilizzata nel trattamento delle gastriti, ulcere duodenali, spasmi intestinali, coliti, stomatiti, nelle coliche addominali, come coadiuvante dei processi digestivi, nell'aerofagia, meteorismo e gonfiore epigastrico.